Andare a piedi per le strade di Besnate è pericoloso. Le promesse da marinaio.

15.03.2014 18:00

Lo sanno bene i besnatesi che hanno necessità di spostarsi o fare una passeggiata a piedi senza usare l'auto. Eppure tutte le Giunte comunali hanno ignorato il problema, in altre faccende affacendate.

Il problema è avvertito in modo particolare da chi ha l'esigenza di spostarsi a piedi nel paese, dai ragazzi, dalle mamme con bambini al seguito o con la carrozzina, dalle persone anziane e non, che non usano l'auto, da tutti i besnatesi che vorrebbero farsi una bella passeggiata lasciando l'auto a casa.

Se escludiamo qualche intervento per marciapiedi risalenti a decenni addietro, nulla è stato poi fatto per rendere più agevole spostarsi a piedi.

Oggi, andare a piedi sulle Vie Marconi, Libertà, Matteotti, Alfredo di Dio, Jerago, San Gaetano, Madonnina e altre  significa correre serio pericolo di essere investiti da autoveicoli.

 

Per esempio, ciascuno di noi sa quanto sia pericoloso andare in farmacia, persino in automobile.

Se arrivarci è a rischio, l'uscita dal cancelletto lo è ancora di più, un passo di troppo mentre sopraggiunge un'auto potrebbe far passare il malcapitato dalla farmacia direttamente all'ospedale.

 

 

 

E' nostro pensiero che una rete di viabilità pedonale (marciapiedi o percorsi protetti) trasformerebbe il "paese" in una "cittadina", più vivibile e piacevolmente  percorribile.

Cadrebbe l'esigenza di spostarsi solo in auto dalla periferia al centro per evitare il pericolo dell'investimento, sarebbe meno pressante la domanda di aree a parcheggio in centro paese, meno traffico, meno inquinamento, meno costi per creare parcheggi.

Le promesse da marinaio. Non è questione di politica ma di completezza informativa.

Ci viene spontaneo richiamare le promesse sul tema della viabilità pedonale e sicurezza  fatte dagli  Amministratori comunali succedutisi nel tempo.

Per ovvio motivo richiamiamo solo le più recenti, emblematiche di quanto le promesse siano  specchietti per campagna elettorale fatte dai candidati, dai quali diffidare in una seconda volta..

 

"Miglioramento della viabilità anche pedonale (marciapiedi, panchine, ecc).....Realizzazione dei percorsi pedonali o ciclopedonali già presenti nel PRG e mai posti in opera" :

si tratta delle promesse elettorale ai punti n. 3 e 4 della GIUNTA tuttora in carica, del tutto disattese (come disattesi peraltro tutti gli altri 11 punti del programma elettorale che riportiamo per comodità di verifica). Ci chiediamo a cosa serve il programma di chi ne fa carta straccia.

Asfaltare le strade per far correre le auto e mettere le strisce bianche è un'altra cosa.

 

Cosa fare ora ?

Una nuova consultazione per elezioni amministrative comunali è imminente.

A nostro avviso il tema di viabilità e sicurezza ciclopedonale dovrà essere tra i punti prioritari di un serio impegno elettorale besnatese, noi l'abbiamo e lo proporremo..

Per evitare che possano essere solo parole di propaganda, ci pare necessario informarci bene su chi in passato ha promesso e non mantenuto, per evitare che si ripeta, sarebbe imperdonabile.

 

Seguici anche su:

  www.facebook.com/   e   twitter.com/

oppure visita la nostra pagina:

www.facebook.com/pages/Besnate-Civica-Associazione/232717003570401?fref=ts