E' ora di fotovoltaico, facciamo Besnate non facciamo politica.

14.03.2014 12:40

Le convenienze del fotovoltaico nei piccoli Comuni. I siti individuabili nel nostro territorio, per esempio al cimitero, lampade votive a costo zero. Progetti pilota.

Lo sviluppo della tecnologia nel comparto del fotovoltaico è in continua evoluzione ed è confermato dai numeri, infatti secondo un rapporto di lega ambiente tutti gli impianti istallati ad oggi hanno largamente soddisfatto le esigenze di circa otto milioni di famiglie italiane.

Il numero è certamente destinato a crescere visto il largo impiego che se ne può fare guardando in ogni direzione e valutando i costi sempre maggiori delle classiche fonti di energia quali gas e petrolio.

Da qui si è arrivati a pensare ad un utilizzo ancora più vasto del fotovoltaico , nato ricordiamo x l’autoalimentazione dei satelliti nello spazio, coinvolgendo in progetti molto ambiziosi anche le regioni e i comuni e permettendo così il loro insediamento in strutture pubbliche che riescono in tal modo a produrre un surplus di energia da scorporare dalle spese di amministrazione.

Si tratta quindi di piccoli comuni ma anche di grandi città accumunate da uno stesso scopo, quello di potere soddisfare le richieste di energia di enti pubblici quali scuole,asili, cimiteri o la più semplice ma onerosa illuminazione stradale.

Come già prospettato l’utilizzo del fotovoltaico può contare su una vastissima condizione di utilizzo ed è quindi da intendersi polifunzionale, dalla produzione di energia elettrica fine a se stessa ad un più valido compromesso da raggiungere nella produzione di acqua calda sanitaria o riscaldamento in pompa di calore ma anche come valido supporto x massimizzare lo sfruttamento dei terreni nel campo agricolo abbattendo l’immissione di parecchie tonnellate di anidride carbonica nell’aria ; questo ovviamente ci trova d’accordo anche su un altro punto di nostro interesse che è la discarica contro la quale abbiamo deciso di combattere con tutte le nostre forze.

Ovviamente la creazione di questi insediamenti necessita di 2 condizioni: le scelte dei siti e il costo per la loro realizzazione messa in opera e funzionalità.

1 - I siti sono individuabili alcuni ambiti del nostro territorio, per esempio il tetto della palestra e di altri edifici di proprietà comunale, ma anche al cimitero da utilizzare come progetti pilota da incrementare nel tempo.

La creazione di siti fotovoltaici porterebbe oltretutto al comune una entrata in denaro potendo vendere corrente elettrica all’ente gestore che la utilizzerebbe per il funzionamento dei compattatori, l’illuminazione e l’utenza di eventuali uffici.

2- Il costo per la realizzazione troverebbe fondi nel conto energia che consiste nel noleggiare i siti ad aziende che ne sfruttano la posizione in vari modi ( in base al tipo di contratto che si vuole fare) o con detrazioni fiscali legate a ristrutturazione e riqualificazione energetica.

Intervenire con il fotovoltaico in un Comune significa, a mio avviso , pensare innanzitutto al ruolo educativo che lo stesso avrebbe nei confronti della collettività.

Posizionare pannelli fotovoltaici sui tetti delle scuole o nelle prossimità ad esempio potrebbe insegnare da subito ai ragazzi il valore dell’energia , come risparmiare e che niente è infinito cercando di annullare in tal modo lo spreco.

 

Fare crescere una generazione con la cultura di fonti rinnovabili farebbe automaticamente crescere anche la consapevolezza di essere parte integrante di un mondo che può darci altro invece del distacco che teniamo come esempio di agio e bellezza effimera senza alcun senso pratico.

Intervenire con il fotovoltaico a Besnate con un piccolo insediamento nel cimitero aprirebbe un nuovo modo di pensare legando il passato al presente per un nuovo futuro migliore ed in più farebbe fronte alla produzione dei pochi kilowatt necessari ad alimentare quasi gratuitamente le lucine delle tombe illuminando il ricordo di quanti prima di noi hanno combattuto battaglie, giuste o sbagliate, lasciandoci quell’esempio capace di guidarci nel fare oggi la scelta migliore.

Facciamo Besnate, non facciamo politica.

 

Seguici anche su:

  www.facebook.com/   e   twitter.com/

oppure visita la nostra pagina:

www.facebook.com/pages/Besnate-Civica-Associazione/232717003570401?fref=ts