MUTUA SANITARIA, una gatta da pelare, l'esposto alla Corte dei Conti, la caccia all'elettore

15.01.2014 20:47

 

LA NOSTRA INCHIESTA SULL' "AFFAIRE" DELLA MUTUA SANITARIA BESNATESE ALLA DIFFICILE RICERCA DELLA VERITA'.

 

Quanto da noi  riportato nel precedente articolo dell' 8 gennaio scorso circa la prospettata chiusura della Mutua ha trovato poi conferma su La Prealpina del giorno 11 gennaio:

"Se la Corte dei Conti dichiara illegittima la nostra delibera di concessione dei locali (alla MSB s.c.r.l.)  e ci chiede di far pagare l'affitto ai prezzi di mercato, c'è il rischio che la MSB chiuda", parole del Sindaco Donata Bordoni. 

 

Ne è seguita una serie di dichiarazioni-fotocopia da tutti i partiti politici, bianchi, rossi, verdi e azzurri :
"Alla Mutua va riconosciuto un ruolo apolitico, è un orgoglio per l'intera cittadinanza e offre un servizio sanitario di eccellenza complementare  che va oltre il valore e la qualita' dei servizi erogati, una tradizione storica di mutualita' e solidarieta"   ecc., ecc.......

Come non essere d'accordo con queste parole ? Concordiamo in pieno, ma vogliamo approfondire la questione da  cronisti e besnatesi.

 

Abbiamo cercato di capire cosa è successo di grave per l'allarmante dichiarazione, così da poter dare giuste informazioni, conoscere chi ha fatto che cosa e perchè.

E' una questione importante e seria per il nostro paese, non liquidabile con strumentalizzazioni politiche mirate ad  accapparrarsi l'elettorato "mutuato", ciascuno pro domo sua.  

 

Altri nostri articoli sulla Mutua Besnatese ai link:

marzo 2013    www.besnatecivica.it/news/mutua-sanitaria-e-limmobile-dellex-circolo-/

dicembre 2013  www.besnatecivica.it/news/inaugurazione-del-nuovo-edificio-destinato-alla-mutua-sanitaria-besnatese-/

gennaio    2014  www.besnatecivica.it/news/il-sindaco-dichiara%3a-la-mutua-sanitaria-besnatese-%C3%A8-a-rischio-chiusura-/

 

Siamo oggi in grado di pubblicare la DELIBERA COMUNALE e l'OSSERVAZIONE/ESPOSTO che hanno aperto il caso. Con i documenti, che invitiamo a leggere, possiamo delinare la vicenda.

 

Il giorno 11 dicembre 2013, la Deliberazione con la quale la GIUNTA decide di affittare l''immobile ristrutturato di Via Matteotti (ex-circolo cooperativa famigliare) alla MSB  S.C.R.L. innesca il caso.

Alla Mutua viene dato in concessione per 20 anni lo stabile comunale di Via Matteotti 17 per 500,00 euro annui, riconoscendo per l'unicità dell'attività della M.S.B. la possibilità di poter fruire di un canone determinato a prescindere da qualsiasi parametro di redditività dell'immobile. In fondo all'articolo riproduciamo la Delibera pubblicata all'albo pretorio.

 

Il giorno 3 gennaio 2014 il Consigliere Comunale signora NADIA DAL SECCO, a nome proprio, trasmette un'osservazione al PREFETTO ed alla CORTE DEI CONTI affinchè verifichino la legittimità della deliberazione.

La signora Dal Secco esprime apprezzamento per il servizio efficiente offerto dalla Mutua, dà il quadro dei presidi ospedalieri già presenti in zona, calcola in 953,86 metriquadri la superfice dell'immobile concessionato per venti anni a 500,00 euro annui, costato al Comune più di 2 milioni di euro. Chiede agli Organi in indirizzo di verificare la legittimità della delibera.

La lettera è a firma singola del Consigliere che rappresenta pertanto se stesso, altre interpretazioni sono  strumentali (pro-domo propria, come detto).

In fondo all'articolo riproduciamo l'Osservazione/esposto, documento fornitoci dal Presidente della MSB.

 

Non possiamo che dolerci del mancato dialogo, della via intrapresa, della modalità di approccio al problema non costruttivo del Consigliere che renderà ora tutto più difficile, per la Mutua, per il Comune, per gli Amministratori comunali, per i mutuati.

 

Da cronisti, distaccandoci dal caso specifico che tocca anche il tema dell'utilità sociale, ci è parso di capire che la diatriba investe ora il diritto amministrativo e che nel concreto il problema sorto sia di tipo tecnico/legale, cioè la legittimità e congruità del prezzo pattuito per un immobile comunale nel rapporto tra Pubblica Amministrazione e la Società MSB s.c.r.l..

Arrivata a questo punto non ci appare più nemmeno una questione di politica ma solo di sapere se la Delibera è legittima SI  oppure NO.

 

 

 

Da besnatesi, una considerazione ci viene spontanea:  è mai possibile che i nostri rappresentanti politici non siano in grado di sedersi ad un tavolo a dialogare e chiarire prima aspetti delicati, confrontarsi anche con professionisti adeguati per trovare soluzioni forse più complesse ma legittime ed incontestabili che portino a un risultato migliore evitando che la questione sia demandata agli organi giuridici e senza far rischiare l'osso del collo alla Mutua Sanitaria Besnatese, come ha prospettato il Sindaco  stesso ?   

 

 

Osservazione/esposto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Delibera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguici anche su:

  www.facebook.com/   e   twitter.com/,  oppure visita la nostra pagina:

www.facebook.com/pages/Besnate-Civica-Associazione/232717003570401?fref=ts